Particolare della stele in bronzo “Guerra”
montata dal fratello sulla tomba di Andrea nel camposanto di Cireglio-PT

 

 

Disegni da collezione di Alessandro Corti - Lippi
Foto dal quaderno dedicato a Lippi,  edizioni "Via del vento"

ANDREA LIPPI (scultore)
Pistoia 1888/1916

 “L’artista quasi sempre sfortunato al suo apparire
poiché
l’opera è eccezione alla regola
quindi
imprevista e compresa"
Andrea Lippi
  

Se il successo è l’essere venuti al mondo e rimanerci più a lungo possibile,
questo non ha arriso all’artista. Andrea è scomparso a 28 anni.
Soltanto un mese prima della morte aveva riportato una significativa affermazione vincendo un concorso. E’il 27 dicembre 1915, la reale accademia d’arte di Bologna comunica ad Andrea ammalato la vittoria. Il 25 gennaio 1916 l’artista chiuderà il suo confronto con la vita.
Alcuni anni dopo l’amico Lorenzo Viani, pittore viareggino, scriverà un bellissimo articolo su Il Popolo d’Italia in sua memoria.
Viani dissolse momentaneamente “le nebbie dell’indifferenza” di cui Andrea si era lamentato. Poi la sua opera sarà di nuovo avvolta nell’oblio, così come egli aveva previsto.
L’esperienza artistica di Andrea si colloca nel “simbolismo” fra “ sogno e realtà”.
Conoscenza del mondo sensibile, esoterico, primordiale: un’arte che evoca stati d’animo che non è possibile definire ma solo esprimere con la musicalità poetica, la forza dei colori e delle linee.

 

“Dalle mie mani uscirà poesia”
L’arte, scrive Andrea,"tornerà ad essere dominio di pochi e quei pochi che la potranno fare renderanno inutile tutta la merda presente”.
 

“Dopo aver visto tutto il percorso, esercitato quasi tutti gli stili, sviscerato ogni segreto dell’arte figurativa, restai scontento,avevo anche io raggiunto quella perfezione e non mi interessavo più a nulla”.
Io volevo riunire quello che è separato nella materia, ma unico in spirito,cioè fare un’opera d’arte che fosse scultura, pittura, musica, poesia, moto, tempo, temperatura…”
 

Raccogliendo le più alte vibrazioni poetiche,Andrea ci ha lasciato opere di grande valore: sculture, prose, poesie.
La sua opera s’inserisce fra quelle dei più grandi artisti del ‘900.

                                  
 a cura di Baldovino

  

Opere di Andrea Lippi si trovano nell'Istituto d’arte a Pistoia